Vendita moto e scooter, ancora crollo del mercato

di Moreno 0

Anche l’ultimo mese dell’anno appena trascorso ha visto un crollo nelle vendite di moto e scooter, confermando il trend portato avanti per tutto il 2012.

Sono stati 4.014 i veicoli immatricolati, e in termini percentuali la perdita rispetto allo stesso mese dello scorso anno è pari al 29,8%. Le moto con 1.438 unità segnano un -14,6%, mentre gli scooter con 2.756 pezzi presentano un calo più consistente del -36,2%.

Dicembre pesa solo per il 2% delle vendite dell’anno, ma è preoccupante che negli ultimi 5 mesi ci sia stato un calo costante a 2 cifre. Non fanno eccezione i 50cc con solo 1.462 registrazioni e un – 40,5%. Nel 2012 l’immatricolato arriva a 206.422 veicoli, con una flessione del 19,1%: di cui 147.119 scooter -14,5% e 59.303 moto -28,5%.

Complessivamente nel 2012 sono state vendute 255.096 due ruote a motore (immatricolazioni + 50cc), pari al -21,9% rispetto al 2011. l dettaglio per cilindrata conferma il segmento più grande degli scooter di 125cc con 57.214 veicoli e un +1,1% grazie al contributo significativo dei mezzi immatricolati da Poste italiane. Abbastanza in linea con il calo del mercato i 150-200cc con 30.632 pezzi -16,8%.

In caduta libera i 250cc con 7.584 veicoli -46,7%, mentre i 300-500cc subiscono un travaso di volumi con 38.289 unità -38,5%, che si spostano a favore dei maxi-scooter con 13.400 immatricolazioni rispetto alle 2.126 dello stesso periodo dell’anno scorso, con decisa impennata dei nuovi modelli di maggiore cilindrata e prestazioni.

Le moto registrano flessioni su tutte le cilindrate, dal segmento più importante delle moto superiori ai 1000cc con 17.039 pezzi pari al -31,5%, a seguire i modelli tra 800 e 1000cc con 14.743 unità, e un -30,8%; poi le medie cilindrate tra 650 e 750cc con 12.875 moto -18,4%, le 600cc che dimezzano le vendite con 3.214 moto -50,7%. Infine le 300-500cc con 4.304 pezzi -17,2%, e le 125cc con 4.787 moto e un -27,8%.

I vertici di ANCMA sperano che il 2013 vada in maniera diversa, operando fattivamente affinchè si faccia ripartire il mercato con azioni e politiche volte ad una soluzione della questione così come richiesto dallo stesso settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>