Bimota Tesi 3D, un capolavoro su due ruote

di Moreno 0

Bimota è presente nei maggiori mercati mondiali attraverso una rete di distributori e concessionari altamente professionali in grado di garantire ai clienti la migliore assistenza tecnica e la massima efficienza nella fornitura di parti di ricambio sia per i modelli attuali che per i modelli storici.

Due le versioni della TESI 3D, differenziate tra loro esclusivamente dalla cromatica e dall’impianto di scarico. La versione con livrea “Factory”, bianco perlato-rosso, presenta caratteristiche meccaniche e ciclistiche identiche alla versione “Carbon Boy” che, per Eicma 2007, verrà equipaggiata con lo scarico completo in titanio realizzato dal famoso atelier giapponese Motocorse esclusivamente per questo modello.

Le caratteristiche principali della Tesi 3D 1100, si riassumono nella particolarità dell’elemento portante della moto che è il famoso telaio ad “omega” nel quale viene racchiuso il motore, e dai due forcelloni, che partendo da esso, vanno ad abbracciare le due ruote.

Quello posteriore, nell’ormai collaudata configurazione di traliccio composito, rispecchia il family-feeling dei prodotti Bimota, quello anteriore si caratterizza fortemente per il sistema sterzante del mozzo su cui agisce la ruota ed ancor di più per mezzo dell’elemento ammortizzante oleopneumatico che, grazie ad un leveraggio esclusivo e realizzato dal pieno in lega di alluminio, opera in trazione.

La Tesi 3D è equipaggiata con un impianto frenante realizzato, a seguito di uno studio, direttamente da Bimota e si distingue per la scelta di pinze ad attacco radiale poste nel punto più basso del mozzo. A comandarle è una pompa radiale equipaggiata con leve ergonomiche, regolabili, realizzate in alluminio dal pieno dalla casa di Rimini. Il design della Tesi 3D è opera di Enrico Borghesan, che ha potuto “cucire” intorno alla ridotta struttura meccanica del mezzo, un abito in fibra di carbonio su misura. La moto risulta essere di dimensioni ridotte, lo sviluppo laterale è contenuto e la sensazione, una volta in sella, è di controllo assoluto del mezzo; anche in virtù del peso ridotto a 168 kg a secco.

Il codone portante in fibra di carbonio risulta essere un elemento di grande distinzione, grazie alle caratteristiche di leggerezza e solidità. Le ruote della TESI sono in lega di alluminio forgiato e sono prodotte dall’azienda Italiana Marvic esclusivamente per questo modello. Le doti dinamiche della nuova generazione di TESI pongono questo modello al top delle moto sportive-stradali in quanto le scelte tecniche adottate, oltre a valorizzare la guida sportiva estrema, si rivolgono anche ad un utilizzo stradale della moto.

I benefici che il forcellone anteriore apporta possono sintetizzarsi nell’assoluta assenza di trasferimento di carico verso l’avantreno in frenata ed allo stesso modo in accelerazione, la moto rimane neutra e quindi più controllabile. La particolare ciclistica fa si che il reparto sospensioni possa lavorare su tarature più “soft” e quindi, anche ad andature non esasperate, la nuova 3D risulta essere molto confortevole.

L’innumerevole quantità di componenti ricercati, la assoluta qualità costruttiva, l’esclusivo progetto, ed il design emozionante, fa si che ancora una volta il modello TESI rispecchi in pieno la filosofia costruttiva della casa Romagnola, che vuole continuare a distinguersi nel panorama mondiale del settore motociclistico.Interasse: 1390 mm; altezza sella: 810 mm; altezza pedane: 385 mm; lunghezza totale: 2005 mm; larghezza totale: 720 mm; altezza totale: 1140 mm; sospensione anteriore: monoammortizzatore Extreme Tech PULL-ROD regolabile per precarico, freno in compressione, freno in estensione.

Corsa: 115 mm; freno anteriore: doppio disco Ø320 mm flottante Bimota, con pinze radiali Bimota 4-pistoncini, 4-pastiglie, pompa radiale; serbatoio benzina: 16 l (5l riserva); peso totale a secco: 168 kg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>