Brutto incidente per Rossi ad Aragon

di Alba D'Alberto 0

Valentino Rossi si affretta a dire a tutti che dopo la caduta di Aragon è già al 100 per cento, ha recuperato la forma ed è pronto per una sfida. Intanto, però, il motoGP se lo aggiudica Lorenzo ed è la prima vittoria stagionale per il maillorchino.

Di tutto il motoGP di Aragon quello che si ricorderà sarà il capitombolo di Valentino Rossi. Il Professore, però, spiega di aver già archiviato la botta e sarà protagonista di certo sul circuito di Misano, quello vicino casa sua. La Yamaha, comunque, ha rimediato un ottimo risultato nell’ultima competizione perché la vittoria finale è andata a Lorenzo.

Comunque, tornando a Rossi, dobbiamo dire che a visitarlo nella Clinica Mobile ci è andato il dottor Michele Zasa che ne ha raccolto le rassicurazioni per i fan. Insomma il campione di Tavullia sta bene, non si è fatto troppo male, ha soltanto battuto la testa. In serata ha avvertito un po’ di dolore ma il riposo ha fatto svanire ogni cosa.

Rossi rimpiange l’occasione sprecata, visto che la Yamaha su quel circuito è andata forte. La modifica introdotta sulla moto è stata azzeccata e Rossi avrebbe potuto lottare con i migliori. Nei prossimi tre tracciati Rossi vuole dare il meglio e sa che la moto lo assisterà. Ne approfitta però per segnalare agli organizzatori che cadere sull’erba artificiale, com’era successo anche a Iannone, è molto pericoloso, soprattutto quando la pista dove si corre è bagnata per la pioggia.

Aragon è stata la pista delle cadute stavolta. Anche Marquez e Pedrosa non sono stati fortunati. I piloti della Honda sono rimasti in pista con le gomme da asciutto ma l’azzardo non è stato premiato. Adesso le nuove sfide daranno a Motegi il 12 ottobre, poi si andrà in Australia e infine in Malesia senza ulteriori stop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>