Cagiva e la MV Agusta, un pezzo di storia e non solo

di Alba D'Alberto 0

Nata nel 1978, Cagiva produce una gamma di modelli stradali da 125cc a 1000cc caratterizzata da un favorevole rapporto fra contenuti tecnici – stilistici e prezzo. Questa è la presentazione della società che sicuramente è famosa per la sua MV Agusta. 

La storia di Cagiva

Negli anni Settanta tutto è nelle mani di Giovanni Castiglioni e delle sue intuizioni che guidano la società verso la minuteria metallica e poi verso il settore motoristico. Un hobby che diventa un settore produttivo e si scende in strada con due moto rosse/argento guidate da Gianfranco Bonera e Marco Lucchnelli. Negli anni Ottanta la produzione è marchiata soltanto Cagiva e l’azienda entra nel settore delle moto di medio-alta cilindrata concludendo un accordo con Ducati. È negli anni Novanta che i Castiglioni acquistano il marchio MV Agusta che nella storia del motociclismo non ha rivali. Come scrive l’azienda

In venticinque anni di storia il marchio Cagiva ha siglato imprese sportive come le vittorie conquistate nel mondiale GP 500 da Eddie Lawson e John Kocinski o i trionfi nella Parigi Dakar e nel motocross.

Il 17 Agosto del 2011 lo storico Presidente Claudio Castiglioni, anima e cuore di MV Agusta, scompare dopo aver lottato a lungo contro una grave malattia. Claudio Castiglioni è stato il protagonista del rilancio dell’industria italiana delle due ruote. Sotto la sua guida sono nate le moto più famose al mondo e sono arrivate le vittorie italiane più importanti.  Oggi alla guida della società, ci sono il figlio, Giovanni Castiglioni e  un team di affermati manager a livello internazionale.

Sul sito ufficiale di Cagiva e su quello dedicato al marchio MV Agusta, tutte le foto e le schede tecniche delle moto più affascinanti di sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>