Moto Poggi Comp a Villanova di Castenaso

di Redazione 0

Tutte le moto Yamaha da competizione esposte in un unico ambiente. Apre i battenti domenica a Villanova di Castenaso (BO) la mostra Moto Poggi COMP, aperta a tutti gratuitamente. Gli appassionati di moto Yamaha avranno così la possibilità di poter ammirare da vicino i cimeli d’epoca appartenenti al famoso collezionista Yamaha Pierluigi Poggi, pezzi unici che nel corso degli anni hanno fatto sognare gli appassionati e i tifosi di tutto il mondo.

Per l’occasione Yamaha Factory Racing esibirà la Yamaha YZR-M1 MotoGP #99 del Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo. Tra i pezzi esposti presso la fiera di Villanova di Castenaso anche dei cimeli per i collezionisti più attenti e appassionati, come una Yamaha YDS1R del 1959, una serie di Yamaha TZ di cilindrate differenti (250, 350, 500 e 750) appartenenti a varie epoche e realizzate da Yamaha per dare la possibilità anche a piloti privati di essere competitivi nei vari campionati nazionali e mondiali.

Tutti i modelli di moto esposti nella collezione privata Moto Poggi COMP sono tutti pezzi originali e sono in determinati casi sono stati ristrutturati seguendo però i canoni e gli standard dettati all’epoca della loro costruzione e quando sono state utilizzate per i gran premi.

L’ultimo esemplare della collezione Poggi è una magnifica Yamaha YDS1R, una 250 cc del 1959 recuperata nientemeno che in Australia, dal pilota Andrew Mc Donnell. Quella di Pierluigi per le moto d’epoca è una passione viscerale, che non teme ostacoli o difficoltà. “Ho comperato moto in Olanda, in Inghilterra, e questa in Australia”, spiega indicando la YDS 1R in bella mostra accanto a sè.

Adesso ha 30 Yamaha rarissime, che si possono visitare durante l’inverno. Le espone a Bologna nel suo personale museo, riservando l’ingresso a gruppi di 8-10 persone, su prenotazione. Com’è giusto per un’esposizione da palati fini, costruita nell’arco di una vita.

“La prima Yamaha è stata una TD3. Me ne sono innamorato a prima vista, conquistato dalle soluzioni tecniche adottate. Yamaha usava già 30 anni fa particolari ancora attuali”. E Pierluigi parla da intenditore, perché in gioventù realizzava trasmissioni motociclistiche. Un’esperienza preziosa anche adesso, per affrontare il delicato restauro dei suoi gioielli. “Io e il mio meccanico le rimettiamo a nuovo, sono tutte originali fino all’ultima vite”. Dice con orgoglio. E ne ha tutte le ragioni, perché la sua raccolta di moto Yamaha d’epoca è quasi completa, se si escludono gli irraggiungibili modelli ufficiali da competizione. I segni dell’età sui modelli storici non sembrano spaventare il pubblico più giovane: “Sono molto interessati, e la prima cosa che mi chiedono è come sono riuscito a trovarle”. Se rivelasse che uno dei suoi strumenti preferiti è Internet, i ragazzi guarderebbero con una simpatia ancora più accentuata questo tranquillo signore emiliano che custodisce e fa conoscere la storia Yamaha, con la forza invincibile di chi per hobby insegue sogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>