MotoGp, scintille tra Lorenzo e Simoncelli in sala stampa

di Moreno 0

 Marco Simoncelli inizia pian piano a farsi largo tra i campioni della MotoGP: un pilota di personalità, il Super Sic, che anche oggi nella conferenza stampa post sessioni delle qualifiche di Estoril, ne ha dato dimostrazione. Tra lui e il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo sono infatti state vere scintille. Appena ieri lo spagnolo ha dichiarato ai giornalisti iberici che il romagnolo è spesso un “pilota troppo aggressivo” e per avvalorare la sua tesi ha citato come esempio, lo scontro in pista avvenuto a Valencia lo scorso anno. Oggi Simoncelli ha però voluto replicare al rivale e tra i due è nato un acceso duello verbale davanti ai giornalisti di mezzo mondo.

Ho letto delle dichiarazioni di Lorenzo riguardo il mio stile di guida – ha detto Simoncelli – secondo me si sbaglia perché ha detto che a Valencia io l’avrei toccato rischiando di farlo cadere. E’ falso perché in realtà io ero davanti, lui ha cercato di passarmi e ha commesso un errore. Ha sbagliato esempio“. Lorenzo, però, ha confermato le sue parole  rivolgendosi direttamente al rivale: “Per quanto mi riguarda, ho usato le parole giuste – ha detto l’iridato della Yamaha non è un problema, se non succede nulla in futuro. Vediamo che succede in futuro” ha chiuso guardando l’italiano. A quel punto però, Marco ha reagito: “Hai toccato un sacco di volte altri piloti. Quante volte è successo a me di non cadere o toccare qualcuno?” La risposta: “È la tua opinione – ha detto Jorge – credo però che molta gente qui al paddock e altri piloti la pensino come me. Chiedi ad Andrea (Dovizioso; n.d.r.) o a Hiroshi (Aoyama; n.d.r.). Ripeto, se in futuro non succederà nulla bene, altrimenti sarà un problema“. Ma il sorriso sarcastico di alcuni giornalisti non è affatto piaciuto al campione in carica: “Non c’è nulla di divertente – ha detto – qui si rischia la vita. Si corre a 300 orari con moto pesanti, non con mini-moto. Bisogna pensare bene a quello che si fa in pista. Io posso sbagliare, ma quando corro penso alle cose almeno due volte, non sono mai impulsivo perché una cosa è giocare con la tua salute, un’altra con la salute di un rivale“. Certo è che é nata una nuova fortissima rivalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>