Triumph Speedmaster, abituata a fare la solista

di Redazione 0

La Speedmaster non è certo una motocicletta che maschera la sua vocazione né le sue intenzioni. All’aspetto rilassato tipico delle linee morbide delle cruiser, abbiamo aggiunto un’abbondante manciata di carattere. Il risultato è una moto dal look deciso e dal carattere forte, che si esprime anche grazie ai silenziatori “slash cut”, al motore nero e ai cerchi in lega. La Speedmaster esalta le prestazioni del suo motore bicilindrico parallelo da 865cc a iniezione elettronica, raffreddato ad aria, con manovellismo a 270º, in un esclusivo stile “hot rod” anni Sessanta.

Il tachimetro montato sul serbatoio, i tubi dei freni in treccia, i doppi dischi anteriori e il manubrio dritto sono una ulteriore conferma che questa moto, oltre a essere bella da guardare lo è anche da guidare. Il cuore di questa motocicletta è il suo motore e nella Speedmaster 2008 pulsa un bicilindrico parallelo da 865cc, DOHC, raffreddato ad aria con un manovellismo a 270º.

La potenza massima di 61CV viene erogata a 6.800 giri, con una coppia massima di 74Nm disponibile a soli 3.300 giri. Il nuovo sistema di alimentazione con iniezione elettronica permette alla Speedmaster di soddisfare le normative sulle emissioni Euro3. Oltre a rispettare l’ambiente, il nuovo motore si avvia più prontamente da freddo e funziona in modo più regolare. La linea della Speedmaster rimane inalterata dato che gli iniettori sono stati abilmente nascosti dai corpi farfallati progettati in modo tale da sembrare dei carburatori.

Grazie al manubrio drag, alloggiato sugli alti riser, la posizione di guida è leggermente più aggressiva rispetto all’abituale seduta allungata tipicamente cruiser e la sella accoglie comodamente il pilota, che può contare su di un’ottimale ergonomia. Il serbatoio, riprogettato per il 2008, ha una capienza di 19,3 litri e garantisce una notevole autonomia.

Per il 2009 sono disponibili due colorazioni: Phantom Black e Phantom Black/New England White con filetto dorato dipinto a mano. Il doppio disco anteriore da 310mm, con pinze a due pistoncini, svolge alla perfezione il suo compito e offre una frenata sempre pronta e sicura. La sella dal design “gunslinger”, oltre ad essere bellissima, accoglie nel massimo comfort il pilota, inoltre i due ammortizzatori e la robusta forcella adorano le curve e assorbono ogni asperità del terreno, garantendo una guida precisa e confortevole anche in coppia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>