Cicli e motocicli: incentivi per 13 milioni di euro

di Moreno Commenta

soldi

Ci occupassimo di numeri, statistiche e lotterie, vi diremmo di giocare il 13 e il 25 su tutte le ruote. Per i pronostici, tuttavia, vi inviamo da altre parti: quel che faremo, invece, è di spiegare che grande significato vadano ad assumere oggi il 13 e il 25. Premessa: 13 sono i milioni di euro, 25 è il prossimo venerdì di settembre.

Ancora ghiotte opportunità in bella mostra per tutti gli appassionati di ciclistica e per coloro che hanno necessità di utilizzare un motociclo per gli spostamenti urbani. Giungono, infatti, notizie gradevoli sul versante politico: tornano gli incentivi per l’acquisto di bici, moto e scooter.

I nuovi aiuti governativi, che vanno ad integrare quelli già messi sul campo qualche mese fa, entrano in auge dal prossimo venerdì 25 settembre.

Si era già vociferato di una riproposizione dell’iniziativa che ha riscosso enorme successo e gradimento, ma nessuno aveva messo in preventivo un ritorno in tempi così brevi. La fetta di denaro stanziata tra lo scorso aprile – maggio era stata di 8,7 milioni di euro, ora il denaro a disposizione dei cittadini dovrebbe aumentare ulteriormente.

Stavolta, infatti, verranno messi a disposizione dal Ministero circa 13 milioni di euro (2 dei quali andranno a coprore le richieste ancora disattese nella scorsa tornata) per chi intende acquistare una nuova bici o per chi vuole cambiare il proprio ciclomotore. Ad illustrare procedimenti e obiettivi, sono gli stessi referenti del Ministero:

“Le risorse saranno destinate per il 60 per cento circa alle bici (per una cifra pari a 7,6 milioni di euro) mentre il restante 40 per cento (ossia 5,1 milioni di euro) sarà destinato agli scooter 50cc e ai veicoli elettrici a due e quattro ruote, per i quali è richiesta la rottamazione di un veicolo usato. Per quanto riguarda le bici, gli incentivi copriranno il 30% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 200 euro”.

Ad approfondire il concetto, il Presidente di EICMA spa, Guidalberto Guidi:

“Questi nuovi contributi permetteranno di vedere sulle strade sia nuove biciclette che scooter in grado di rilasciare un livello di emissioni inferiori rispetto a quelli attualmente circolanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>