MotoGp: piloti delusi dopo i primi test

di Alba D'Alberto 0

Tre giorni di test sul circuito di Sepang, in vista dell’avvio della nuova stagione di MotoGp, non hanno lasciato tutti i piloti contenti. Molti sono consapevoli del fatto che il proprio team deve migliorare tanto e sotto ogni punto di vista. Altri, come Rossi e Dovizioso, sono più ottimisti. Il ‘Dottore’ ha ritrovato un buon feeling con la sua moto. Tra gli scontenti, invece, c’è Nicky Hayden che dopo la terza e ultima giornata a Sepang ha chiuso al tredicesimo posto e non ha celato la delusione. Si sente demoralizzato, triste nel dover inseguire altri piloti e accorgersi del divario così grande. Hayden ha lasciato la Ducati e ora dovrà fare progressi alla guida della sua nuova Honda RCV1000R.

Una moto che ha definito “diversa” da quella che ha guidato sino a poche settimane fa. Così, Hayden necessita di comprendere alcuni aspetti, principalmente in frenata. Qualche progresso durante le giornate dei test c’è stato, ma per il momento il gap con le altre moto è immenso e, per Hayden, alquanto frustrante.

Andrea Iannone è contento dei test e della sua Desmosedici, che trova molto migliorata in confronto a quella guidata nello scorso campionato. Il pilota di Pramac Racing, però, aspetta i nuovi test per fare qualcosa in più e non nasconde che gli ingegneri avranno molto da fare. L’abruzzese, poi, rassicura i tifosi: la sua caduta non ha avuto conseguenze.
Chi torna da Sepang scontento è Jorge Lorenzo, uno dei favoriti per la vittoria del Motomondiale. Il campione spagnolo riscontra i miglioramenti rispetto a mercoledì, ma si aspettava qualcosa di più in Malesia. Per l’ex campione del Mondo, infatti, ci sono dei problemi da risolvere e non si aspettava di avere queste difficoltà sul tracciato di Sepang.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>