Decreto Anti-crisi, 500€ per motocicli e ciclomotori

di Moreno 0

 Sarà solo il tempo a stabilire se questo 2009 si rivelerà, per il comparto dell’industria motociclistica, un “annus horribilis”, oppure se la stagione che sta per cominciare sarà – infine – celebrata come quella di un rapido e consistente rilancio. L’anno era cominciato male con le notizie provenienti dal motomondiale, vetrina e termometro del settore: l’addio di Kawasaki alla MotoGP e le voci su una clamorosa uscita (addirittura) della potentissima Honda avevano fatto temere molti; quindi sono arrivati i dati sulle vendite in gennaio, crollate in Italia (complice anche il meteo, particolarmente inclemente con i centauri) fino a registrare un -30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ma forse saranno i segnali di ripresa a prevalere, ed uno squillo importante in questa direzione sembra averlo già dato il Governo con l’approvazione del Decreto Legge cosiddetto “Anti-crisi” (il numero 185/2008, convertito dalla legge 2/2009). L’Esecutivo ha infatti varato, con questo provvedimento, una serie di misure che, approfittando della recessione e della conseguente necessità di rilanciare le vendite nel settore delle auto e delle moto (due tra i comparti chiave della nostra economia), sono state predisposte con il preciso intento di raccogliere un duplice risultato: da un lato, c’era – come scritto poc’azni – la necessità di “sbloccare” le vendite; dall’altro il bisogno di ringiovanire un parco circolante tra i peggio attrezzati d’Europa.

Ecco allora che per la rottamazione di motocicli e ciclomotori fino a 400cc di cilindrata, lo Stato provvederà ad erogare un incentivo fino a 500 €uro. Questo a patto che il mezzo di cui ci si libera sia stato fabbricato seguendo i parametri di inquinamento che vanno sotto il nome di Euro 0 o Euro 1, e che quello che si acquista disponga di una tecnologia Euro 3. Un bello sprone, non c’è che dire, anche perché non saranno in molti a potersi permettere di investire i 10-15mila €uro necessari per acquistare un’automobile, mentre i prezzi dei ciclomotori sono decisamente più abbordabili. Specie in questo periodo di crisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>