Happy birthday Valentino: Rossi tra Yamaha e il sogno di un figlio

di Moreno 0

Dopo aver raggiunto obiettivi insperati e importantissimi, Valentino Rossi sta per tagliare il traguardo dei 30 anni, quello in cui viene naturale mettere in fila le prime analisi e valutazioni. Nato il 16 febbraio del 1979, Vale ha concesso un’intervista esclusiva alla Gazzetta dello Sport nel corso della quale ha confessato sogni e desideri, speranze e rimpianti.

“La prima considerazione – dichiara il campione di Tavullia – è che a 30 anni non si è affatto vecchi, anzi. Rispetto a quello che pensavo 10 anni fa, mi sento davvero un ragazzino e so che posso permettermi di sognare ancora un sacco di cose. Tempo ce n’è. Lo dimostra la società: a trent’anni le persone sono ancora in casa da sole o con i genitori e alla famiglia ci si pensa dopo. Il primo bilancio dice proprio questo: dal punto di vista professionale grandi traguardi, dal punto di vista personale mi manca praticamente ancora tutto”.

Il Rossi pensiero è un flusso che spazia a 360°.

“Non c’è mai da mollare o da sentirsi appagati perchè altrimenti si invecchia. Occorre battersi e lottare con impegno e fino alla fine. Mi piace ancora scherzare e ridere ma ora, forse, eviterei di festeggiare con modalità che vanno bene da ragazzo: la bambola gonfiabile in pista, per esempio, non la porterei più”. C’è spazio anche per gli affetti: “”Sono fortunato, ho intorno a me un ambiente sano fatto di genitori, familiari e amici con cui ho un rapporto speciale.

Sono persone che porto sempre con me. Momenti felici nel corso delle gare, certo, ma la cosa per cui ho goduto di più è il fatto di essere andato in Yamaha e aver vinto anche lì. Da cancellare, invece, almeno un paio di cose: il mondiale 2006 perso contro Hayden all’ultima gara e i problemi col fisco. Dell’ultimo episodio, poi, sono davvero dispiaciuto perchè rappresenta una pagina veramente brutta. Pensare agli obiettivi futuri non è facile: so che correrò in moto con la Yamaha per altri 2 anni.

Poi dovrò decidere: se continuare e puntare a battere i record di Agostini (123 vittorie iridate) oppure cambiare e fare qualcos’altro. Non credo la F.1″. Fino al colpo di scena, a quello che non ti aspetti: “In realtà – prosegue Valentino – mi piacerebbe avere dei figli, uno o più figli e se fosse un maschio mi piacerebbe prendesse parte alle corse di moto. Se femmina non credo proprio potrebbe correre, anche perchè le femmine decidono loro quello che vogliono fare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>