Moto Guzzi California 1400 Custom

di Moreno Commenta

Su una California 1400 Custom si diventa viaggiatori anche nei piccoli spostamenti. Una vocazione che regala a ogni momento di guida un’intensità travolgente: l’unione tra potenza e piacere. L’anima custom si concretizza nella tecnologia ride by wire e nel sistema di cruise control, per scegliere curve di erogazione e carattere del motore. Nulla è lasciato al caso.

La Moto Guzzi è la  sorella “cattiva” della Touring, in antitesi per temperamento, stile e vocazione. Conquista il pilota con la forza espressa dal suo design da cruiser, dura e pura: due ruote, un motore, sella e manubrio.  Il tutto realizzato nel rigore tra forma e funzione, coniugandolo con un senso estetico tipicamente italiano, espressione di una cura del dettaglio e capacità esecutiva degna delle migliori interpretazioni che il made in Italy abbia mai prodotto in campo automotive.

Si nota dai dettagli come la sella biposto, dove capeggia il logo dell’Aquila stampato a caldo, dal manubrio drag bar dai supporti alleggeriti, dagli inediti ammortizzatori posteriori dotati di serbatoio esterno. A incrementare la potenza espressiva del design convergono  anche una veste grafica minimale basata su tinte materiche come il grigio mercurio e nero basalto e alcuni sapienti tocchi di stile, come le ruote nere laccate con il logo Moto Guzzi rosso e gli specchietti retrovisori neri.

Una volta in sella emergono prepotentemente le differenze rispetto alla Touring: la nuova sella sportiva e il manubrio drag-bar determinano una seduta bassa e arretrata sulla ruota posteriore per un perfetto show off metropolitano. Si viaggia avvolti nel sound del big bore da 1380 cc, pronti a scaricare a terra i 120 Nm a 2750 giri o veleggiare in overdrive, a poco più del regime del minimo cercando diascoltare i battiti dei pistoni da 104 mm del maestoso bicilindrico a V di 90° made in Mandello del Lario filtrati dal l’innovativo fissaggio elasto-cinematico al telaio tubolare.

L’aspetto volutamente minimale del design esalta ulteriormente la presenza di contenuti tecnologici introvabili in qualsiasialtra moto prodotta dalla concorrenza. La California Custom, al pari della sorella viaggiatrice, è equipaggiata di serie con il cruise control, con il controllo di trazione MGCT settabile su tre livelli d’intervento, e, grazie alla presenza del RidebyWire è possibile anche regolare la risposta del motore secondo tre modalità, rispettivamente Turismo, Veloce e Pioggia.

E se Il “rider“ della California Custom può scegliere il carattere della sua moto secondo la tipologia di percorso e utilizzo altrettanto può fare per adattarlo alla sua personalità, attingendo al più corposo catalogo accessori mai prodotto da Moto Guzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>