MotoGP Estoril 2012 per Rossi e Ducati lo stesso setting di Jerez

di Moreno 0

 Inizo deludente per la Ducati che, messe in cantiere le prime due prove della MotoGP 2012, non può fare altro che attestare le identiche problematiche che avevano contribuito a rendere amara la stagione precedente. Meglio Nicky Hayden di Valentino Rossi, con l’americano a tratti competitivo mentre il pilota di Tavullia non è purtroppo riuscito a creare il giusto feeling con la due ruote.

Nel grande giorno di Casey Stoner, che a Jerez è tornato prepotentemente in vetta sebbene Jorge Lorenzo sia saldamente al comando della classifica piloti con 45 punti, il Dottore ha fatto i conti con una realtà assai peggiore rispetto alle previsioni prestagionali: nonostante gli innumerevoli sforzi e tentativi che hanno preceduto l’avvio del motomondiale, in casa Borgo Panigale non si è riuscitio a sopperire alle carenze che rendono allo stato incolmabile il divario con le scuderie in lotta per il successo.

Neanche Hayden, a conti fatti, riesce a tenere il passo dei migliori e in generale, le Desmosedici restano indietro. L’appuntamento dell’Estoril, terza tappa stagionale in programma domenica 6 maggio 2012, riporta per ora il dato eloquente secondo cui neppure in Portogallo la solfa sarà differente: non ci saranno novità per la prossima gara, ma per Rossi ci sarà da verificare se il nuovo setting base trovato a Jerez possa essere valido in terra lusitana. Le parole del Dottore:

“In Spagna abbiamo usato un set-up nuovo, per noi, uno che non avevamo potuto provare venerdì perchè è piovuto, e che ci ha dato dei segnali positivi. Prima cercavamo delle soluzioni che mi dessero un feeling di guida simile a quello che avevo in passato ma non funziona. Abbiamo scelto un setting molto simile, anche se non del tutto uguale, a quello che usa Hayden. Mi fa guardare in maniera più positiva alle prossime gare perchè se riuscirò a guidare un pò meglio potrà essere un inizio da cui partire. Venerdì prossimo in Portogallo useremo questo assetto fin da subito. Naturalmente dovremo continuare a lavorare, essere più efficaci in qualifica per partire più avanti, migliorare in accelerazione e diverse altre cose di cui abbiamo già parlato in Ducati per cercare, insieme, di migliorare la GP12″.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>