MotoGP qualifiche Qatar 2012, Rossi e Ducati dodicesimi, assetto sbagliato

di Moreno 1

 Le qualifiche del Qatar, primo appuntamento mondiale della MotoGP 2012, sono purtroppo negative per Valentino Rossi e la Ducati che non fanno meglio del dodicesimo posto in griglia di partenza. Nel corso delle qualifiche di Losail, dominate da uno Jorge Lorenzo già in piena forma, il Dottore ha di fatto peggiorato rispetto ai dati registrati nel corso delle prove libere e deve accontentarsi della quarta fila.

Anche Casey Stoner, giunto secondo alle spalle del maiorchino, non pare soddisfatto di quanto fatto:

“Sono abbastanza arrabbiato di questa posizione – ha riferito l’australiano al termine della sessione di qualifiche – perché abbiamo lavorato per la pole e il fatto di non esserci non mi piace molto”.

Chi esprime parole di giubilo, anche per via del fatto che in Yamaha si credeva di essere molto vicini alla Honda Repsol ma non di poterla superare fin da subito, è proprio Lorenzo che analizza la prestazione in mnaiera soddisfatta:

“Con le mille in effetti sono cambiati gli equilibri. Le Yamaha ha fatto una buona moto, lo testimoniano anche le prestazioni dei piloti privati”.

In casa Ducati la scuderia di Borgo Panigale ha poco di che gioire: chi ha cercato di difendere e sostenere le virtù della due ruote made in Italy, è stato Nicky Hayden che ha chiuso in quinta posizione e può partire dalla seconda fila: l’americano si è concentrato su un assetto che gli ha garantito un intervento efficace su quelli che sono i problemi della due ruote da tempo: il sottosterzo e la violenza del motore.

Per nulla positivo il risultato di Valentino Rossi: il tavulliano non nasconde la delusione e dice:

“Il problema è stato che oggi abbiamo fatto delle modifiche, neanche tanto grandi. In pista ho fatto una gran fatica a guidare mi sembrava quasi un’altra moto in confronto a ieri. Poi abbiamo rimesso la moto com’era ma io avevo già perso il feeling. Peccato, perchè Nicky ci ha dato la dimostrazione che potevamo andare forte”.

Quando gli si chiede che tipo di accorgimenti occorra apportare per tentare di ribaltare una situazione non favorevole, Rossi mostra di non avere le idee chiare:

“Proveremo a fare la nostra moto come quella di Hayden ma non è detto che andrà bene così: per la gara in effetti sono molto preoccupato, speriamo di farci venire delle idee. C’è poco da spiegare quando non c’è verso di far girare la ruota dal verso che vuoi”.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>