MotoGP, Stoner è ottimista: “Rispetto al 2009 partiamo da una base più solida”

di Redazione 0

Casey Stoner è sicuro: il 2010 non finirà come la scorsa stagione. Il pilota australiano della Ducati ha appena chiuso la seconda sessione di test a Sepang e come nelle precedenti tre giornate, si è ritrovato ancora alle spalle di Valentino Rossi. Ma Stoner – che lo scorso anno è restato fuori dalla lotta per il titolo mondiale a causa di un problema di salute – è certo di poter giocarsi la vittoria ad armi pari. “Siamo molto soddisfatti della prestazione di questi due giorni – ha detto il pilota della Ducati che adesso si sta preparando in vista dell’ultima sessione di test in Qatar –. Se qualcuno mi chiedesse se stiamo partendo da una base più solida rispetto a quella dello scorso anno, potrei solo dire di aspettare e vedere se siamo sulla strada giusta. E lo sapremo in aprile”. C’è quindi ottimismo nel team di Borgo Panigale che venerdì ha piazzato le due moto dietro la Yamaha di Rossi, ma davanti a quella di Colin Edwards e Ben Spies, della scuderia Tech 3. Nell’ultima giornata in Malesia, Stoner ha girato con il crono di 2:00.512 mettendo in valigia 33 giri che confermano l’ottimo feeling con la moto presentata a gennaio a Madonna di Campiglio. “Quando siamo usciti al mattino le condizioni della pista erano migliori rispetto al primo giorno, grazie anche alla temperatura che si è poi leggermente abbassata nel corso della giornata – ha proseguito l’australiano –. Siamo quindi riusciti a ottenere il miglior assetto per la moto, trovando dei tempi interessanti. All’inizio il settaggio era lo stesso del giovedì, ma poi abbiamo regolato un paio di cose e tutto è diventato più performante. Quando avrei potuto ottenere il giro migliore è arrivata la bandiera rossa e ho perso gli ultimi giri, ma non importa”. E alla fine Stoner è rimasto incollato all’arci nemico Rossi il cui feeling con la nuova M1 sembra già essere perfetto. Ma siamo ancora all’inizio della stagione e la Ducati promette battaglia. Con grande gioia di tutti gli appassionati di MotoGP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>