Tra Biaggi e Valentino, la differenza la fa la caduta di Schumi

di Moreno 0

Quasi a conferma della differenza caratteriale tra Valentino Rossi e Max Biaggi, giunge ad uopo la recente dichiarazione del centauro romano a proposito della volontà di Michael Schumacher di voler tentare la carriera motociclistica.

Max, prudente e razionale come suo solito, fece una dichiarazione che sapeva di monito:

“La moto è una cosa seria e per questo voler provare l’esperienza di un professionista senza avere alle spalle anni di allenamento è pericoloso”.

Ipse dixit: era il 5 febbraio 2009. A neppure una settimana di distanza, ecco il patatrac: il fatto risale a mercoledì 11 febbraio quando Schumi, impegnato alla guida di una Honda 100 CBR Fireblade sul circuito di Cartagena in Spagna, è incappato in una caduta che gli ha fatto perdere temporaneamente conoscenza.

Nulla di grave, a parte le due costole rotte e qualche indolenzimento al polso e alle gambe. Ebbene, Max Biaggi, in attesa dell’esordio ufficiale in Superbike a cavallo di una competitivissima Aprilia, era stato un saggio consigliere: perchè tentare di rompersi le ossa a 40 anni suonati – questo il senso dell’intervento di Biaggi – quando si sa che la moto rischia di procurare danni importanti?

Chissà se Schumi, da ora in avanti, si toccherà tutte le volte che dovesse capitargli a tiro Max Biaggi; di sicuro, viene fuori ancora una volta il differente approccio alla vita tra i due rivali storici del motociclismo italiano: Max Biaggi e Valentino Rossi.

Il primo razionale e ponderato fino all’estremo, il secondo di una intelligenza istintiva e capace di rischiare sempre (lo dimostra la passione al rally e la voglia mai celata di mettere piedi nel mondo della formula 1). Come se il rischio lo avesse nel Dna. Con buona pace dell’Italia motociclistica, perennemente divisa in pro Biaggi o pro Valentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>