Il dottor Rossi innamorato del cavallino

di Moreno 0

Le moto, il rally, la rossa. Dai cavalli al cavallino. Quello rampante. Quello nero su sfondo giallo. Il made in Italy più veloce di tutti. Valentino Rossi manda l’ennesimo segnale alla Ferrari. E la Ferrari, come in amore, a volte viene incontro a volte scappa. E sul più bello, quando tifosi di tutta Italia, fotografi e giornalisti stanno per brindare a questo matrimonio, può scappare anche un retrotreno, come è successo al pilota pesarese. Già, l’esperienza. Perché, anche se sempre di velocità si tratta, dalle moto alla F.1 il salto è lungo. Il circuito spagnolo di Montmelò è stato, inconsapevole il testimone di questo valzer. Di un amore che forse sboccerà. Che molto probabilmente serve a Vale solo per divertirsi e alla Ferrari per ottenere sempre maggiore visibilità (soprattutto a oriente). Valentino, in Spagna per provare la F2008 – la macchina di 2 anni fa -, ha prima fatto scaldare i motori, poi è uscito. Ma il campione del mondo di MotoGp, forse, non ha ancora preso confidenza. Fatto sta che, alla curva 10, dopo non aver nemmeno completato il secondo giro, perde il controllo della monoposto. Lascia il motore acceso e fa arrivare i soccorsi. Nulla di grave, per fortuna. Nemmeno nel morale visto che, qualche ora dopo, Rossi è uscito di nuovo. Primo giro, tutto ok. Secondo, anche. Terzo idem. Così fino all’ottavo. Ma poi – di nuovo – il rientro in box. The doctor sarà a «completa disposizione della casa di Maranello» anche domani. Con felicità e tanta voglia di dimostrare di essere all’altezza visto che, attraverso il suo sito internet ufficiale, si dichiara «incredibilmente entusiasta di tornare al volante di una Rossa dopo più di un anno». L’ultima freccia lanciata da Vale-Cupido è stata scagliata al Mugello, nel 2008. Lì, forse, qualcosa non era andato per il verso giusto. Forse le pressioni della dirigenza, forse quella degli sponsor. Ma se la freccia riuscisse a penetrare tutto questo? Come lo vedreste il dottore finalmente innamorato (e ricambiato) del cavallino?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>