Gp Germania 250cc: Simoncelli, finalmente! Debon e Bautista a seguire

di Moreno 0

1 Marco Simoncelli ITA Gilera 27:11.034
2 Alex Debon SPA Aprilia 0.479
3 Alvaro Bautista SPA Aprilia 0.528
4 Hiroshi Aoyama GIA Honda 0.866
5 Hector Barbera SPA Aprilia 1.260
6 Hector Faubel SPA Honda 5.972
7 Aleix Espargaro SPA Aprilia 8.721
8 Thomas Luthi CHE Aprilia 8.762
9 Raffaele De Rosa ITA Honda 19.176
10 Roberto Locatelli ITA Gilera 27.950
11 Alex Baldolini ITA Aprilia 29.601
12 Lukas Pesek CZE Aprilia 38.299

Ebbene si, la 250cc ha parlato italiano nel momento in cui occorreva farlo: le note dell’inno di Mameli suonano alte in terra tedesca per incoronare l’impresa di Marco Simoncelli che, finalmente, ritorna alla vittoria in gara e riapre i discorsi legati alla classifica mondiale.

Che fosse un Gp sentito e una pista su cui l’italiano è sempre riuscito a fare bene, lo si sapeva. Vederlo sul posto che gli compete, è stato comunque un grande piacere perchè, oltre ad aver ritrovato la vittoria, Simoncelli ha dato la netta sensazione di aver ripreso quella voglia e quella motivazione che recentemente erano parse lontani ricordi che rimandavano allo scorso anno.

Al Sachsenring è stata battaglia fin dal primo giro, dopo un rinvio legato alle condizioni meteo – un acquazzone ha costretto a posticipare la partenza – e il centauro italiano è riuscito a ripetere il trionfo dell’anno passato andando a mettere dietro lo spagnolo Alex Debon, staccato nel finale con una progressione irresistibile che gli ha concesso lo spazio vitale per sprintare in solitaria.

Il romagnolo ha recuperato punti preziosi in vista del Mondiale rispetto ai rivali maggiori, tra cui Hiroshi Aoyama, Alvaro Bautista e Hector Barbera, finiti per l’appunto quarto, terzo e quinto. Un peccato per Mattia Pasini, che è caduto nella bagarre finale prima ancora di tentare lo sprint. Nel corso del Gp, accorciato a 19 giri per via del tempo, duello a gran ritmo tra Simoncelli e Debon.

I due sono scappati e se la sono giocata fino a quando, a tre giri dalla fine, Marco ha staccato il rivale e vinto nettamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>