Max Biaggi elogia Valentino Rossi: “Sorpasso da fenomeno”

di Moreno 2

SOUTH AFRICA MOTORCYCLING SUPERBIKEMai avremmo pensato di scrivere una notizia del genere, e non perchè Max Biaggi, oramai proiettato in Superbike e più distante dai riflettori della notorietà che garantisce la MotoGp, non faccia più notizia.

Semmai, per il fatto che i due acerrimi nemici – dentro e fuori la pista – si stanno in qualche maniera riavvicinando. Non più paroloni, minacce e offese senza mandarsele a dire, ma ora addirittura complimenti. La prodezza di Valentino Rossi a Montmelò, ai danni di un Lorenzo incredulo, ha fatto il resto. Max Biaggi, da semplice appassionato della MotoGp e da osservatore esterno non ha potuto ignorare il sorpasso del 46Yamaha, riconoscendo apertamente la bellezza e la difficoltà del gesto.

“A Barcellona si è inventato un sorpasso pazzesco, roba da riuscire a pensarla ma praticamente impossibile da realizare. E invece Rossi ci è riuscito”.

Il 37enne centauro romano, con un bebè in arrivo, pare aver accantonato definitivamente l’ascia di guerra.

“Pazzesco, è entrato dentro a Jorge Lorenzo con uno slancio pazzesco. Roba da non credere. Più che un sorpasso, è stato un sorpassone”.

Biaggi è in attesa del gran premio di Misano, appuntamento di Superbike nel quale gli toccherà vedersela con Noriyuki Haga e Ben Spies.

“Mi farebbe un piacere enorme riuscire a portare a casa la vittoria e mi giocherò tutto, forse anche più di quello che umanamente mi è consentito. Ma la realtà va raccontata per come è: l’Aprilia RSV ha solo sette GP alle spalle e non siamo ancora pronti per stare lì davanti. E’ tornata in SBK dopo sei anni con un progetto nuovo e senza alcun riferimento. Sapevo che ci sarebbero stati momenti duri. L’obbiettivo iniziale era concludere tra i primi otto, siamo oltre le aspettative. Ci stiamo prendendo gusto e abbiamo alzato l’asticella. Stavolta chi mi sta davanti va troppo più forte per riuscire a stare a ruota: sono spettatore, un ruolo che mi piace poco e a cui non sono abituato. Non mi sbilancio sul vincitore del mondiale ma non devono fallire perché nel 2010 Biaggi e l’Aprilia partiranno con l’idea di poter vincere. E’ una promessa”.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>