Moto Suzuki GSX-R600

di Moreno 0

 Le nuove GSX-R600 e 750 sono le ultime due brillanti supersportive di casa Suzuki. Modelli che hanno in comune la stessa avanzata tecnologia del motore collaudata in gara, compattezza nelle dimensioni, leggerezza, agilità e una particolare attenzione per i consumi e le emissioni. Sono la risposta giusta a qualsiasi esigenza dei piloti: la GSX-R750 è l’unica moto in grado di fornire le stesse emozioni sia in strada sia in pista, mentre al GSX-R600 è una supersportiva classica, in linea con tutti i requisiti essenziali per gareggiare nei più importanti campionati racing.

Nel confronto con le precedenti versioni la GSX-R750 risulta essere più leggera di ben 8 kg, mentre la GSX-R600 è addirittura 9 kg più leggera; un dato questo che garantisce il miglior rapporto peso/potenza fra le supersportive in commercio da 600cc.

Uno degli aspetti fondamentali nella progettazione tecnica di una moto riguarda l’efficienza termica di combustione. Migliorare la combustione significa aumentare la potenza di coppia a tutti i regimi, massimizzare la risposta del gas, incrementare l’accelerazione riducendo al contempo consumi ed emissioni.

L’efficienza meccanica determina invece in che misura la potenza e la coppia del motore vengono trasmesse alla ruota posteriore. Aumentare l’efficienza meccanica significa, tra le altre cose, ridurre le perdite meccaniche, diminuire il peso totale della moto e sfruttare meglio l’erogazione del motore ottenendo accelerazioni e spinte superiori.

L’efficienza prestazionale è espressa dal rapporto peso/potenza, cioè dal confronto fra l’erogazione e il peso della moto. Tale rapporto si migliora aumentando potenza e coppia, riducendo il peso della moto; il tutto si traduce in accelerazioni più potenti, consumi decisamente inferiori e meno emissioni.

I nuovi modelli GSX-R600 e 750 si caratterizzano per la ciclistica rinnovata, entrambi dotati di un nuovo telaio a doppia trave in alluminio più compatto e leggero con un interasse ridotto di 15mm. L’interasse più corto ha consentito di centrare meglio la massa combinata moto/pilota fra le due ruote, migliorando le prestazioni in curva e riducendo la distanza fra sella e manubrio. Questa riduzione di distanza e la forma del telaio più stretta all’altezza della sella garantiscono maggiore comfort per il pilota.

La GSX-R750 e la GSX-R600 hanno in comune la stessa progettazione: compatto e potente motore a quattro tempi, quattro cilindri, raffreddato a liquido. Il circuito di raffreddamento utilizza il particolare sistema Suzuki di immissione dell’aria pressurizzata SRAD (Suzuki Ram-Air Direct ). La configurazione bi-albero DOHC è attuata da una distribuzione a catena su albero motore forgiato e apre quattro valvole in titanio per cilindro tramite punterie a bicchierino, con regolazione del gioco. L’angolo delle valvole è ora più stretto, 22,5 gradi per la GSX-R750 e 22,0 gradi per la GSX-R600.

La frizione antisaltellamento utilizza un sistema a rampe e mozzetto – collaudato in gara – che riduce la pressione sui dischi della frizione in fase di decelerazione. Questo permette di scalare ed entrare in curva in modo più fluido, concentrandosi sulla frenata e sulla traiettoria della stessa.

 Il sistema di scarico in acciaio inossidabile quattro in uno, ha quattro tubi e un unico collettore. Il tubo intermedio, ubicato fra il collettore e la camera di scarico sotto il motore, ospita la valvola a farfalla servo-controllata del sistema di parzializzazione dello scarico SET (Suzuki Exhaust Tuning), che ottimizza la contropressione dello scarico rispetto al regime del motore, alla posizione del gas e al rapporto innestato, massimizzando la coppia e la risposta del gas, soprattutto nella fascia dei regimi medio-bassi.

Su entrambe le nuove GSX-R è stata modificata la posizione della centralina (anche nota come centralina ECM) per una più semplice disposizione dei cavi. La ECM controlla il sistema di iniezione del carburante a circuito chiuso con doppi corpi farfallati (SDTV), il sistema di accensione e diversi sistemi di controllo delle emissioni. L’azione combinata di questi sistemi migliora la reattività del motore, ne aumenta la potenza e riduce consumi ed emissioni.

Al cuore del sistema SDTV si trovano due doppi corpi farfallati collegati fra loro.

La valvola a farfalla primaria di ogni corpo farfallato è collegata tramite cavo (per una connessione istantanea fra uomo e macchina) alla manopola del gas. La valvola secondaria è invece controllata dalla ECM, che monitora i giri del motore, la posizione della valvola primaria e la posizione della marcia. La valvola secondaria è aperta o chiusa dal sistema in modo progressivo per mantenere costante la velocità di aspirazione dell’aria e garantire al cilindro la migliore miscela possibile che sarà bruciata nel modo più completo e efficiente possibile.

Il risultato è una risposta del gas più lineare, una coppia superiore e meno emissioni.

I moderni iniettori adottati nelle nuove GSX-R sono equipaggiati con 8 piccoli fori per un’atomizzazione fine del carburante che contribuisce ad una migliore combustione.

L’iniettore primario di ogni cilindro è operativo in tutte le condizioni, mentre quello secondario aggiunge carburante solo ai regimi più elevati o nelle fasi di maggiore carico del motore.

Un nuovo circuito di controllo dell’accensione transistorizzata, incorporato nella ECM, consente un utilizzo stabile della candela a tutte le temperature del motore.

Il sistema utilizza una singola bobina dell’accensione incorporata in ogni candela e monta candele NGK da 10 mm. Ogni candela ha un sottile elettrodo in lega d’iridio che genera una scintilla più calda e dura circa il doppio rispetto al ciclo di vita di un elettrodo convenzionale.

La ECMgestisce anche il sistema automatico di controllo del minimo (ISC), rilevando automaticamente la temperatura del refrigerante e regolando la quantità d’aria da inviare al corpo farfallato primario in fase di avvio del motore a freddo.

Il sistema ISC migliora la messa in moto, riduce le emissioni durante l’avviamento a freddo e stabilizza il minimo nelle diverse condizioni d’uso.

Anche il collaudato sistema di aspirazione PAIR è controllato dalla ECM: aria fresca viene soffiata dalla scatola del filtro dell’aria alle valvole dello scarico del cilindro, bruciando gli idrocarburi incombusti e riducendo le emissioni. La quantità di aria fresca inviata nelle valvole di scarico è calcolata in base alla posizione del gas e ai giri del motore.

Un catalizzatore, o convertitore catalitico, incorporato nella camera di scarico sotto il motore, riduce ulteriormente le emissioni di gas HC, CO e NOx. Grazie all’efficacia di questa gestione del motore e dei sistemi di controllo delle emissioni, le nuove GSX-R possono vantare una migliore attenzione verso l’ambiente.

Il sistema S-DMS, con selettore della modalità integrato alla ECM, consente al pilota di scegliere, attraverso un semplice interruttore posto nella barra sinistra del manubrio, una delle due mappature disponibili, regolando così l’iniezione e i sistemi della valvola secondaria. Le due mappature sono indicate come A e B.

La mappatura A offre massima potenza e accelerazione, mentre la B è per prestazioni più controllate.

Il sistema S-DMS consente al pilota di scegliere la mappatura adatta alle diverse condizioni di guida e alle sue preferenze. Il passaggio da una all’altra è istantaneo, il pilota può quindi facilmente adottarne una mappatura a seconda della tipologia di viaggio (ad esempio in autostrada) e poi passare all’altra in base anche alle condizioni atmosferiche e dell’asfalto. Lostesso vale per le performance in circuito dove le diverse mappature possono essere utilizzate nelle diverse parti deltracciato: il sistema consente ad esempio di passare dalla mappatura A a quella B per adattarsi alle condizioni di fine garaquando il pneumatico è maggiormente usurato.

 Per la prima volta, entrambi i modelli Suzuki GSX-R750 e GSX-R600 montano il rivoluzionario sistema di sospensioneanteriore con forcella BPF rovesciata Showa sviluppata per le gare.

Le forcelle rovesciate convenzionali utilizzano un assemblaggio a cartuccia che entra all’interno dello stelo su ogni lato eincorpora di solito un pistone da 20 mm per controllare lo smorzamento.

L’avanzato design BPF elimina l’assemblaggio della cartuccia interna inserita in ogni stelo e utilizza al suo posto un singolo pistoncino superiore da 37,6 mm che corre contro la parete del tubo interno da 41 mm. Le prestazioni di smorzamentorisultano più precise e fluide grazie alle superiori dimensioni del pistone BPF e degli spessori delle valvole.

La compressione è più controllata, come si nota in particolare nelle frenate più brusche e all’ingresso in curva, con un migliore feedback per il pilota.

Il design BPF minimizza inoltre le modifiche della pressione interna alla forcella lungo tutta la corsa, migliorando adesempio la reazione ad eventuali piccole irregolarità o avvallamenti lungo il percorso.

Le molle della forcella sono spostaste su fondo di ogni stelo, dove sono completamente immerse nell’olio, ottenendo unaminore formazione di schiuma e una maggiore stabilità dell’azione smorzante.

La manutenzione risulta ancora più rapida grazie alla posizione del pistone che si trova al di sopra delle molle. La regolazione avviene dall’esterno per mezzo delle pratiche viti incorporate nei tappi della forcella.

Le forcelle BPF montate sulle nuove GSX-R750 e GSX-R600 sono più leggere rispetto a quelle dei modelli precedenti.

Il mono-ammortizzatore posteriore Showa consente la regolazione esterna dello smorzamento per il ritorno e lacompressione, nonché dell’altezza della guida. Le sedi della molla filettate, utilizzate per regolare il precarico, sono orarealizzate in alluminio anodizzato anziché in acciaio; tale scelta di materiale consente una riduzione di peso rispetto alpassato.

La risposta della sospensione è migliorata anche dalla riduzione del peso non sospeso (ovvero tutti i componenti compresi fra la sospensione e il suolo), grazie a cerchi in alluminio pressofuso più leggeri di 210 grammi all’anteriore e di 190grammi al posteriore e a un assemblaggio della corona posteriore più leggero di 150 grammi. Il peso non sospeso ha uneffetto determinante sulla capacità di ogni ruota di rimanere in contatto con la superficie del tracciato di gara. Maggiorecontatto significa maggiore trazione, un aspetto fondamentale in uscita dalla curva o in frenata.

Il sistema di ammortizzatore di sterzo elettronico, controllato dalla ECM, regola autonomamente lo sterzo in modo daredenderlo più leggero alle basse velocità e in manovra e più duro in gara e alle alte velocità.

Le nuove Suzuki GSX-R750 e GSX-R600 sono entrambe equipaggiate con freno anteriore con dischi interamente flottanti da 310 mm e nuove pinze monoblocco a quattro pistoncini Brembo con montaggio radiale. Il freno posteriore con discosingolo da 220 mm funziona con una nuova pinza a pistoncino singolo Nissin più leggera rispetto a quella del modelloprecedente.

I poggiapiedi sono regolabili in tre diverse posizioni lungo un intervallo orizzontale e verticale di 14 mm, per garantire ilmassimo comfort al pilota con una posizione di guida più rilassante su strada, nonché la migliore piega in curva con una posizione di guida più racing. Il pedale del freno posteriore e la pompa secondaria si spostano assieme all’assemblaggio del poggiapiedi destro, mentre l’assemblaggio della leva del cambio può essere regolato in base agli spostamenti delpoggiapiedi sinistro.

Il nuovo quadro strumenti montato sulle GSX-R750 e GSX-R600 risulta più compatto, chiaro e completo rispetto alpassato: incorpora un laptimer/cronometro di serie e l’indicatore dei giri motore sequenziale programmabile. Entrambe le nuove dotazioni sono molto utili nei tracciati di gara.

Il laptimer/cronometro si attiva tramite un pulsante dall’interruttore della barra destra del manubrio. Il sistema di indicazione dei giri/minuto del motore con quattro LED è programmabile in modo che si disattivi secondo quattro diverse impostazioni di giri, con possibilità di scelta fra la spia luminosa fissa o lampeggiante.

Anche la luminosità dei LED è regolabile in modo da essere maggiormente visibile o non essere troppo fastidiosa aseconda dell’illuminazione stradale.

Al centro del quadro strumenti è posizionato un contagiri analogico con a fianco un disply LCD che fornisce una serie di informazioni su tachimetro, contachilometri, doppio parziale, chilometri percorribili in riserva, orologio, temperatura refrigerante/indicatore pressione olio,

laptimer/cronometro, indicatore S-DMS e indicatore della marcia inserita.

Gli altri LED del quadro comprendono la folle, gli abbaglianti, l’indicatore di direzione, il livello del carburante e gli indicatori FI.

Un sistema antifurto con immobilizer a codice è montato di serie su alcuni mercati, con un LED aggiuntivo nel quadrostrumenti.

Entrambi i nuovi modelli Suzuki GSX-R750 e GSX-R600 fanno mostra di un rinnovato styling aerodinamico e di una linea più filante e compatta.

Lo sviluppo della carrozzeria nella galleria del vento è stato eseguito con il pilota a bordo.

Il lavoro è stato quindi incentrato sul fornire alle nuove GSX-R una carrozzeria più piccola, leggera e meno strutturata, senza perdere in efficienza aerodinamica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>