MotoGP test Ducati 2012 Valentino Rossi pessimista

di Moreno 2

Messa in archivio la due giorni di test a Sepang, Malesia, dopo cui la MotoGP si appresta a cominciare la stagione 2012, il bilancio in casa Ducati non è positivo come ci si aspettava in seguito alla sessione di prove dello scorso gennaio-febbraio. La due giorni malesiana, infatti, ha lasciato un Valentino Rossi pessimista e non più fiducioso rispetto al mondiale alle porte a causa dei pochi progressi registrati dalla sua Desmosedici 12.

Di fronte alla Honda di Casey Stoner che viaggia a ritmi evidentemente rodati e al cospetto di una Yamaha che ha mostrato – non solo con Jorge Lorenzo ma anche con Ben Spies – di essere in grado di tenere testa alla scuderia nipponica che deteiene l’iridato della costruttori, l’italiano ha purtroppo registrato un passo indietro rispetto ai primi test e modificato le sensazioni positive di allora in percezioni negative. Non è bastato migloreare i tempi – al punto che la differenza tra Ducati e le altre è scesa da un secondo e due decimi al secondo secco – perché in generale la posizione di classifica si è aggravata, segno del fatto che – eccetto Ducati – le scuderie ad aver compiuto passi in avanti sono più di una. Il Dottore non nasconde amarezza e delusione:

“È stato un test abbastanza negativo purtroppo e l’unica nota positiva è che da 1,2s di ritardo che avevamo l’altra volta ora ne abbiamo 1, siamo più vicini. Sono preoccupato perchè la posizione è peggiorata e tanti altri sono andati più forte, è peggio del primo test”.

Nello specifico, la Ducati più veloce è stata quella di Hector Barbera, finito al sesto posto mentre la nuova Ducati di Valentino si è piazzata in decima posizione e, dettaglio forse più significativo, ha evidenziato problematiche precedentemente non riscontrate:

“Ho fatto molta fatica a guidare rispetto a tre settimane fa – ha dichiarato Rossi – soprattutto in percorrenza di curva. A parte traction control e antimpennamento che in accelerazione mi aiutano, perchè sono migliori, abbiamo cercato di risolvere il sottosterzo, ma non ce l’abbiamo fatta, alla fine abbiamo dovuto desistere. Sappiamo che sarà dura e che dobbiamo lavorare”.

Prima del debutto ufficiale -l’ 8 aprile in Qatar – ci sarà modo di testare la situazione con altri test in programma alla fine del mese di marzo a Jerez.

“Lì dovremo capire – dichiara Rossi – dove siamo rispetto agli altri: questi sono stati dei test più difficili per il tempo e siamo stati sfortunati perchè abbiamo avuto dei problemi all’anteriore che non siamo più riusciti a risolvere. Senza il problema alla forcella avremmo levato altri tre, quattro decimi e saremmo più avanti ma di passo ne perdiamo ancora circa sette. Non sono un’enormità, ad essere onesti, ma siamo comunque indietro”.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>