MoptoGp Catalunya: Rossi e Lorenzo fanno volare Yamaha, Stoner dietro

di Redazione 1

Valentino Rossi arriva all’appuntamento con le qualifiche del Gran Prenio di Catalunya con una bella intervista data ai giornali nella quale racconta le sue vicissitudini sentimentali – anche se, come ammette lo stesso N46 più famoso al mondo, in realtà nessuna donna fino ad oggi gli ha modificato la vita in maniera radicale – e con la splendida prestazione fornita nella gioranta di venerdì 12 giugno in occasione delle prove libere.

Vale, infatti, li ha messi tutti dietro e ha dato la paga sia a Casey Stoner che a Jorge Lorenzo, quasi a ribadire di voler vendicare – sportivamnete parlando – riscattando con la stessa moneta il podio australo-spagnolo al Mugello (occasione nella quale Rossi è finito sul gradino più basso del podio). 1’43.038 per il Campione del Mondo in carica che sul circuito di Montmelò trova fin da subito buone sensazioni con la sua M1.

Staccato da più di mezzo secondo troviamo il compagno di squadra Jorge Lorenzo (1’43.583) che precede a sua volta Casey Stoner su Ducati Marlboro. Il pronto riscatto del compagno di scuderia Yamaha Jorge Lorenzo, arriva tuttavia puntuale nel corso delle libere del sabato che balzano all’occhio per la capacità della Fiat Yamaha di dimostrare di essere in grande forma anche nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio Cinzano de Catalunya. E’ Lorenzo a far segnare la miglior crono con un 1’41.899 che sa già di record.

Il pilota che corre con la livrea del Barcelona F.C. in onore del suo team e per celebrare la straordinaria doppietta della formazione allenata da Bep Guardiola (capace di imporsi su ogni avversario in Liga e in Champions League), ha preceduto sul traguardo Andrea Dovizioso (Repsol Honda) e il suo compagno di squadra Valentino Rossi (Fiat Yamaha). Per i due piloti tricolori si tratta comunque di un ritardo importante: quasi sette decimi per il rivale storico di Lorenzo, e più di 9 per il Campione del Mondo in carica. Dani Pedrosa, ieri 14esimo, trova la quarta posizione, segno che il dolore al femore sta diminuendo. Randy de Puniet (Honda LCR) e Colin Edwards (Monster Yamaha Tech3) completano le prime 6 posizioni.

Tra la settima e la decima posizione troviamo ben 3 Ducati: Casey Stoner apre questo gruppo con Niccolò Canepa e Nicky Hayden rispettivamente 9º e 10º. In mezzo a loro James Toseland (Monster Yamaha Tech3) con l’ottava piazza.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>