Il riscatto di Rossi è arrivato a Valencia

di Alba D'Alberto 1

Nel fine settimana in cui il MotoGP va in Spagna, è lo spagnolo Lorenzo ad annunciare che cambierà presto casacca lasciando le redini della Yamaha a Valentino Rossi, per passare poi in Ducati. Ma l’appuntamento valenciano è soprattutto l’occasione del riscatto del Dottore.

Rossi arriva prima e precede gli artefici della sua sconfitta mondiale dell’anno scorso: Marquez e Lorenzo. Il podio è una grande festa soltanto per l’italiano. Per il resto le cronache raccontano gelo tra i presenti e assenza di sguardi. Anche perché sarebbero stati al vetriolo.

rossi

Sul podio della gara la situazione non è cambiata rispetto ai precedenti appuntamenti del motomondiale. L’unica cosa che è mancata, almeno quello, sono stati i fischi già ascoltati altrove, i pollici verso, gli spruzzi incrociati di champagne e le strette di mano. Lorenzo e Marquez infatti, si sono limitati a tenere una bandiera del Giappone nelle foto di rito. Questo è quanto racconta la Gazzetta dello Sport che per quest’anno prevede una lotta a tre:

Quest’anno sono loro a giocarsi gare e titolo – lo dicono la classifica mondiale con Marquez a 82, Lorenzo a 65 e Rossi a 58, il rendimento in pista e in qualifica – e hanno monopolizzato la prima fila delle ultime tre gare consecutive. Né in Argentina, né ad Austin, né qui a Jerez nel rituale del post qualifiche c’erano però stati segnali distensivi. Solo indifferenza e freddezza. Con complimenti per l’operato dei rivali – a Jerez Marquez e Lorenzo si sono congratulati per il gran giro pole di Rossi – arrivati solo davanti ai microfoni.

Insomma ne vedremo delle belle sia sul palco che sui circuiti.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>